Come ricorderete nei giorni scorsi abbiamo dato notizia della sentenza del Tribunale di Cagliari che, rilevando il mancato rispetto da parte degli amministratori di una cooperativa degli adeguati assetti organizzativi, amministrativi e contabili, ha imposto un amministratore giudiziario al fine della loro strutturazione.

PerchĂ© il #Tribunale Ă¨ giunto a questa decisioneâť“
L’ispettore, nominato dal Tribunale di Cagliari, ha effettivamente riscontrato carenze riguardanti l’adeguatezza dell’assetto ed in particolare nel:
♦ sistema organizzativo: assenza di un organigramma completo e aggiornato, di un mansionario e di un sistema di gestione e monitoraggio dei principali #rischi aziendali;
♦ adozione degli #strumenti previsionali: mancanza di redazione di un budget di tesoreria, di strumenti di natura previsionale, di un piano #industriale e di uno strumento di reporting;
♦ impianto #contabile: errata tenuta della contabilitĂ  generale che influisce sulla formazione del progetto di #bilancio e dell’informativa ai #sindaci, assenza di una procedura formalizzata per il monitoraggio e la gestione dei crediti da incassare e mancata redazione del rendiconto finanziario.

Gli amministratori sono personalmente e solidalmente responsabili sia della gestione della società, che degli eventuali danni arrecati alla stessa, ai soci, ai creditori sociali ed ai terzi. In caso di irregolarità, quindi, i soci possono promuovere un’azione di responsabilità contro gli amministratori e, nei casi più gravi, possono chiedere che venga adottato provvedimento cautelare di revoca degli stessi.
A questo si aggiunge la responsabilitĂ  individuale e #penale per l’eventuale #fallimento.

Risk Report è lo strumento indispensabile affinchĂ© gli amministratori possano operare secondo il principio di corretta #gestione imprenditoriale!

âš  RISK REPORT, LA SICUREZZA PER NON CADERE âš 

Nessuna descrizione alternativa per questa immagine